È la velocità la prima causa di incidenti

Incidenti stradali? Colpa della velocità nel 14% dei casi.
«È la causa principale o comunque rappresenta la concausa che aggrava di più le conseguenze. Il pericolo - rileva Rosanna Ferranti, vicequestore della polizia di Stato - non è legato solo al superamento dei limiti, ma anche al tenere una velocità non adeguata alle condizioni di guida, quando traffico, pioggia, nebbia impongono un’andatura inferiore ai massimi stabiliti».
Il 75% degli incidenti avviene nelle vie cittadine, e non sulle autostrade o sulle grandi arterie di scorrimento. Una vera «strage» in città, che lascia sulla strada il 44% dei morti e oltre il 70% dei feriti.
Nel 2006 la polizia stradale ha accertato 1.018.027 violazioni per il superamento dei limiti (+11,5% rispetto al 2005) e 63.881 per velocità pericolosa, cioè quando l’automobilista, pur entro i limiti, non tiene conto delle condizioni meteorologiche e del traffico.