Veloso ringiovanisce di trent’anni il suo repertorio

Una rockstar di nome Caetano Veloso. L’artista brasiliano arriva questa sera all’Auditorium Parco della Musica per presentare il nuovo album Cê, caratterizzato da un sound più rock e decisamente ispirato agli anni ’70. Lo spettacolo apre la stagione autunnale di «Santa Cecilia it’s wonderful».
Il titolo del nuovo progetto di Veloso è l’abbreviazione di «você», che in portoghese significa «tu». Dodici nuove canzoni, in lingua portoghese, che riflettono un nuovo e diverso modo di interpretare la musica: uno stile più rock, probabilmente influenzato dal figlio Moreno che ha co-prodotto l’album. Un lavoro che esplora vari mondi musicali con l’inesauribile creatività che da sempre caratterizza l’opera di Caetano Veloso.
Suoni essenziali e immediati per testi inquieti. L’ennesimo cambio di rotta di una carriera sulla cresta dell’onda ormai da 40 anni, in cui l’artista ha saputo e voluto perlustrare ogni ambito del mondo musicale, dal folk brasiliano ai ritmi africani, dal rock al jazz, fino alla canzone tradizionale. Le canzoni di Cê sono state incise con Pedro Sà alle chitarre, Ricardo Dias Gomes al basso e al piano elettrico e Marcelo Callado alla batteria, tre giovani musicisti che saranno sul palco dell’Auditorium con Veloso.
Chi sarà stasera al Parco della Musica presto potrà avere in mano una concreta testimonianza dell’evento. Il 5 ottobre, infatti, Veloso pubblicherà un resoconto live del tour, intitolato «Cê ao vivo», promuovendone l’uscita proprio con le date europee di questi giorni. Nel disco, registrato a giugno in Brasile durante un’esibizione a Rio de Janeiro, troverà spazio anche il brano inedito Amor mais que discreto. Nei nuovi concerti, Caetano Veloso affiancherà all’esecuzione dei brani contenuti in Cê la rilettura di alcuni suoi classici, alla luce di un nuovo suono, assai più elettrico e nervoso di quello dei sui precedenti lavori. Con questo progetto il cantautore dimostra di far parte di quel ristretto numero di artisti brasiliani sempre all’avanguardia. Ispirato in gran parte alle vicissitudini personali che lo hanno portato al divorzio, Cê è anche l'unico album composto interamente da canzoni del solo Caetano.
It’s Wonderful proseguirà il 6 ottobre con il concerto di Michael Nyman: un evento, in co-produzione con la Biennale di Venezia, che vedrà per la prima volta la presenza dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia in un concerto della rassegna. Il compositore di Lezioni di piano eseguirà I Sonetti Lussuriosi, ispirati ai versi di Pietro Aretino.
Il 7 novembre sarà la volta di Gal Costa, altra figura di spicco della musica brasiliana contemporanea, che si esibirà in versione acustica, solo chitarra e voce. In scaletta le sue celebri interpretazioni di canzoni dei più importanti autori brasiliani, da Jobim a Chico Buarque allo stesso Caetano Veloso. Il 12 dicembre la stagione si chiuderà con il concerto del fisarmonicista francese Richard Galliano, in scena con il nuovo progetto «Tangaria» (fusione di «tango» con «aria», come la intendeva Bach), nel giorno del suo compleanno.
Info e biglietti: 06.8082058.