Veltroni mette «in salvo» i soldi per la Metro C

I fondi per le infrastrutture stanziati dal decreto che accompagnerà la manovra sono stati ridimensionati rispetto alle indiscrezioni che hanno preceduto l’annuncio. Alla fine l’importo complessivo si è attestato a 2,86 miliardi di euro. Di questi 1,035 miliardi saranno assegnati alle Ferrovie dello Stato che fino a venerdì sera speravano in 1,5 miliardi di risorse. All’Anas, invece, andranno 215 milioni, ovvero 135 milioni in meno rispetto alla prima stesura del decreto. Un altro capitolo di spesa destina 1,38 miliardi a un complesso di opere tra le quali la metro C di Roma (con il sindaco e candidato leader del Pd Veltroni che ha visto intatti i 500 milioni previsti), la metropolitana milanese (150 milioni), quella di Napoli (150 milioni) e il Mose di Venezia (170 milioni rispetto ai 230 della prima stesura). All’autostrada Salerno-Reggio Calabria saranno garantiti altri 80 milioni per la prosecuzione dei lavori, mentre il giubileo per il 150º anniversario dell’unità d’Italia potrà contare su 150 milioni di stanziamenti per infrastrutture.