Vendite su Fondiaria

Chiusura positiva a Piazza Affari con il Mibtel in rialzo dello 0,96% a 28.765 punti e lo S&P/Mib dell’1,04% a 37.671 punti. In controtendenza l’All Stars, fermo a meno 0,2%. Monopolizzata dal progetto di fusione tra Intesa (più 7,6%) e SanPaolo Imi (più 6%), la seduta ha visto protagonisti anche altri titoli come Mediobanca (più 5%), Mediolanum (più 3,7%), Pop. Milano (più 3,4%), Capitalia (più 2,9%) e Generali (più 2%). Tra le tlc Telecom Italia sale dello 0,93% e Fastweb avanza dell’1,42%. Sempre sotto pressione come nel resto d’Europa (Stoxx a meno 0,14%) gli energetici, nonostante il greggio sia tornato a salire. Saipem cede l’1,34% dopo il balzo dell’altro ieri, Eni rallenta il calo della vigilia con una perdita dello 0,16%. In lettera Aem, in calo dello 0,2%. Acquisti nel lusso con Luxottica (più 0,68%) e Bulgari (più 0,83%). Sconta prese di profitto e il downgrade a «neutral» da «buy» da parte di Ubs Fondiaria, che lascia sul terreno l’1,43%. Tra i minori, ritraccia del 3,31% Snia dopo i rialzi di inizio settimana, mentre avanza del 5,53% Bastogi. Bene anche Jolly Hotel, che con un rialzo odierno del 2,49% prosegue il trend positivo dell’estate.