Vendono computer Ma dentro c’era sale

Due napoletani sono stati arrestati ieri a piazza Vittorio per aver tentato di vendere a due ragazzi filippini una borsa con due chili di sale, spacciandola per una custodia contenente un computer portatile. I due pregiudicati, per convincere i malcapitati, avevano esibito lo scontrino e mostrato un vero pc super accessoriato, al costo stracciato di 200 euro. I truffatori hanno atteso che i due ragazzi si allontanassero per prelevare al bancomat per effettuare lo scambio delle custodie, rifilandogli una borsa con due chili di sale. Ma uno degli acquirenti, nel controllare il nuovo acquisto, ha scoperto subito la truffa. Ad assistere alla scena due carabinieri in borghese, che hanno bloccato i due truffatori.