Venerdì 24 ore di sciopero dei mezzi pubblici

Venerdì tutti a piedi per lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale. A dichiarare l’astensione dal lavoro sono state le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl. Il motivo dello sciopero, informa un comunicato sindacale, è la vertenza nazionale per il rinnovo del secondo biennio economico del contratto nazionale di lavoro.
Per quanto riguarda le modalità, lo sciopero avrà appunto la durata dell’intera giornata di venerdì; il servizio di trasporto pubblico sarà garantito soltanto nelle due fasce 6-9 e 17,30-20,30; il restante personale, compreso quello adibito alle biglietterie e ai chioschi, si asterrà dal lavoro per l’intero turno. Praticamente inutile illudersi circa la possibilità che qualche mezzo possa essere in circolazione. In occasione dell’ultimo sciopero proclamato da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl, le astensioni dal lavoro dei dipendenti hanno avuto un’incidenza sul servizio programmato pari al 98% nel servizio urbano, 100% in metropolitana, ascensori e funicolari.