Venerdì di sciopero: trasporti, scuola e sanità in tilt per tutto il giorno

Giornata di mobilitazione. Lo sciopero dovrebbe bloccare mezzi pubblici, settore sanitario e scuola. Treni e aerei non dovrebbero essere toccati dalle agitazioni

Milano - Venerdì di passione per chi viaggia e chi si muove in città: aerei, navi, treni e trasporto locale sono coinvolti nello sciopero generale proclamato dai sindacati autonomi. Non solo: braccia incrociate anche nella scuola, nella sanità e nella pubblica amministrazione. A Roma è in programma una manifestazione di protesta, indetta da Cub, Cobas e Sdl.

Trasporti Lo sciopero avrà forti ripercussioni per i trasporti pubblici mentre non dovrebbe avere un impatto rilevante sulla circolazione dei treni e degli aerei. La protesta proclamata da Cub, Cobas e SdL, secondo le Ferrovie dello Stato, non avrà alcun effetto sui treni a media e lunga percorrenza mentre per i treni locali delle fasce orarie a maggiore mobilità pendolare non saranno interessati dallo sciopero. Sul versante aereo la crisi dell’Alitalia come anche la composizione della rappresentanza sindacale, sembrano mettere il settore al riparo dalla protesta. Diversa la situazione per il trasporto pubblico locale dove i sindacati autonomi raccolgono forti consensi. Secondo fonti sindacali, la situazione sarà particolarmente pesante a Roma dove, oltre al blocco di treni ed autobus, si terrà la manifestazione nazionale dove si attendono centomila persone che, dalle 10, sfileranno in corteo da piazza della Repubblica a San Giovanni.

Pubblica amministrazione Aderisce alla protesta anche la pubblica amministrazione. Gli uffici di Ministeri, Enti locali, parastato e agenzie fiscali resteranno chiusi per l’intera giornata.

Sanità
Sciopero anche nel settore medico. Si asterranno dal lavoro medici, infermieri, personale amministrativo delle Asl e strutture sanitarie private, a partire dall’inizio del primo turno di domani fino a chiusura dell’ultimo turno previsto in giornata. Saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali e le emergenze.

Scuola
Venerdì nero per la scuola: insegnanti, studenti e altri lavoratori del settore si asterranno dal lavoro per 24 ore e molti scenderanno in piazza per la manifestazione in programma nella capitale.

A novembre tocca agli statali
In arrivo tre giornate di sciopero regionale degli statali: i sindacati hanno infatti fissato il calendario delle proteste che erano già state proclamate. A novembre, il 3 incroceranno le braccia i lavoratori del Centro, il 7 sarà invece il turno dei dipendenti statali al Nord. Infine, il 14 la protesta sarà dei lavoratori al Sud e Isole. In assenza di risposte dal Governo, i sindacati fisseranno poi la data dello sciopero generale.