Venezia, il Carnevale brinda con il prosecco

<p>
Matrimonio in maschera con le bollicine Battistella lungo il Canal Grande per la messa in scena, domenica 27 febbraio, di &quot;Bauerlesque&quot; Carnevale di Venezia 2011, serata all’insegna dell’arte e
della storia della Serenissima Repubblica, che aprirà
ufficialmente le danze del carnevale
</p>

"Cultura e arte sono valori dei quali non possiamo fare a meno, sono i pilastri della nostra identità, le fondamenta di ogni società. Il Carnevale di Venezia è una sintesi di cultura e arte, è un momento di storia viva che sarebbe un guaio non festeggiare. Vogliamo che Battistella, il Prosecco firmi il Carnevale di Venezia 2011: la Serenissima ci permette di sposarci con la sua anima, con la sua antica e nobile storia, una storia ancora viva, conscia della sua essenza, che attraverso il Carnevale, ogni anno, si fortifica, si rinnova, si reinventa e si fa apprezzare in tutto il mondo". Con queste parole l’imprenditore trevigiano a capo della casa vinicola Battistella commenta la partnership Battistella – Bauer nella messa in scena, domenica 27 febbraio sul Canal Grande, di 'Bauerlesque' Carnevale di Venezia 2011, serata all’insegna dell’arte e della storia della Serenissima Repubblica di Venezia, che aprirà ufficialmente le danze del carnevale più affascinante del mondo, quello veneziano. "Non ci può essere sviluppo di una comunità senza il coinvolgimento della cultura e dell’arte – continua Battistella. Il Carnevale veneziano ci dà l’opportunità di rivitalizzare la nostra liaison con una delle città simbolo della cultura: Venezia. Brindare in Laguna con le nostre bollicine significa rinsaldare il legame con il mondo dell’arte, un legame forte, che già ci lega a festival e a rassegne internazionali di cultura".