Tra venti giorni si vota e a Imperia già scattano le manette

Federico Marchi

da Arma di Taggia

Erano le 9 di ieri mattina quando gli agenti della squadra mobile di Genova si sono presentati in comune a Taggia per arrestare il sindaco Lorenzo Barla, che stava lavorando nel suo ufficio. È scattato così il blitz che ha scatenato un nuovo terremoto politico nell’estremo ponente ligure. Contemporaneamente è stata eseguita un’ordinanza di custodiacautelare, con i benefici degli arresti domiciliari, anche nei (...)