In venticinquemila per la festa del Genoa

Alla vittoria con la Lazio e ai gol di Borriello, Giampiero Gasperini aggiunge un altro obiettivo per il suo Genoa in campo domani per l’ultimo appuntamento casalingo: «A Marassi mi aspetto una grande festa, comunque vada a finire la partita. Godiamoci il presente. Noi cercheremo ad ogni costo la vittoria da regalare ai tifosi, anche se non sarà facile, ma spero di poter riportare Preziosi sotto la Nord. Se ci siamo salvati con largo anticipo e possiamo chiudere addirittura all’ottavo posto il merito è pure del nostro presidente».
Almeno venticinquemila mila spettatori per l’ultima passerella. Tifosi mobilitati per una gara che sembra senza stimoli, ma Gasperini non ci sta: «Mi sa che siamo solo noi a snobbare questo piazzamento. Vedo e sento altre squadre che vorrebbero essere al nostro posto perché al di là della possibilità di fare l’Intertoto a cui io personalmente tengo, ma poi deciderà a dirigenza, c’è una bella differenza tra finire ottavi o decimi anche per una questione economica». Per questo il tecnico rossoblu’ carica l’ambiente: «In settimana la squadra mi è parsa un po’ molliccia e ci sta, ma so che vogliono chiudere giocando una grande partita di fronte al loro pubblico». Per un giorno stop al mercato e pure ai discorsi legati alla classifica cannonieri a cui punta Borriello: «Questa storia sta diventando un po’ pesante. L’annata di Marco è stata stupenda. E’ stato spesso in testa alla graduatoria dei bomber e credo che meriti davvero la nazionale e quindi gli europei. Sarebbe un notevole riconoscimenti per lui e per tutti noi, ma ora dobbiamo pensare al Genoa e a fare questi tre punti che visto gli impegni delle altre formazioni che ci sono dietro, potrebbero darci la certezza dell’ottava posizione». E qui scatta il progetto Intertoto: «Ripeto concetti già espressi. Io non ho dato controindicazioni tecniche a partecipare a questo torneo. In fondo mi pare che anche in Champions la terza e la quarta in classifica debbano fare i preliminari e quindi stravolgere la preparazione. Capisco che quella coppa dia ritorni diversi dall’Intertoto, ma penso che non ci siano problemi per una squadra come il Genoa a provarci. Poi se dovesse andare male, pazienza. Cosa ci avremmo rimesso?».
Gasperini ci tiene a precisare che per l’Intertoto non c’è nessuna polemica con Preziosi: «Assolutamente. La scelta finale comunque sarà la sua». Infine un concetto a cui il tecnico del Grifone tiene a chiarire. «Noi abbiamo sempre messo in campo la formazione migliore, ma certe critiche per e due ultime sconfitte mi hanno un po’ colpito perché siamo scesi sull’onesta’ mia e dei ragazzi che non accetto».
Contro la formazione di Delio Rossi, fuori Criscito e Di Vaio squalificati e Vanden Borre infortunato, Gasperini conta sul rientro di Fabiano. Arbitra Pierpaoli di Firenze.