Ventimiglia, il sindaco Scullino replica ai sindacati: «Voglio solo difendere la meritocrazia dai fannulloni»

(...) Immediata la replica di Scullino: «Non generalizziamo, perché l’85 per cento dei dipendenti fa il proprio dovere e, in molti casi, anche di più. C’è, tuttavia, ancora una piccola frangia che non ha capito che il dipendente deve essere al servizio dei cittadini, che pagando le tasse pagano anche il loro stipendio e non viceversa». Non basta: il sindaco rincara la dose: «Ringrazio quegli impiegati che si sono messi al servizio dei cittadini - aggiunge Scullino - che non si devono sentire assolutamente offesi, perché fanno il proprio lavoro con professionalità e serietà. Rimane, tuttavia, quel 15-20 per cento di dipendenti, per un totale 20-25 persone, che non ha ancora capito che quello che stiamo facendo lo facciamo per migliorare l’efficienza amministrativa, la professionalità e la gentilezza a favore della città e dei cittadini. Continuerà, dunque, la nostra azione amministrativa e nei confronti del personale comunale proseguirà il sistema meritocratico».