Il vento è cambiato, ma ora tira brutta aria

«Berlusconi a Loreto». L’omino stilizzato è impiccato a testa in giù. Lugubre messaggio di odio e violenza. Ancor più assurdo perché fuori del tempo. Slogan di anni passati, quelli del sangue e del piombo che sembravano ormai lontani. Sepolti insieme a ideologie assassine. «Il vento è cambiato» è il motto di Pisapia. Sarebbe meglio non portasse anche questo orrore. La minaccia vigliacca lasciata anonima per strada. Nemmeno a dirlo, nessuna condanna, nessuna manifestazione di solidarietà. Tocca a Berlusconi, zitti sindacati e partiti della sinistra. Di solito così pronti a indignarsi.