«Verano e Prima Porta: condizioni indecorose»

La denuncia di An: «Furti, scippi e zanzare»

Fermate Atac senza pensiline, infestazione di zanzare tigre, lumini d’illuminazione delle tombe più cari e poco funzionanti, furti e scippi continui. È la situazione in cui versano i cimiteri del Verano e di Prima Porta e le zone circostanti. Lo denunciano Luca Todini e Giovanni Del Prete, rispettivamente capogruppo di An del XX municipio e vice presidente del consiglio del III municipio, dopo aver effettuato un sopralluogo nelle due zone e verificato «la veridicità dei disagi denunciati dai cittadini circa alcune questioni irrisolte che evidenziano uno stato di abbamdono inaccettabile».
«Le fermate Atac - osservano - non sono dotate di pensiline, costringendo l’utenza alla pioggia o al solleone; le zanzare tigre trasformano le visite in incubo in quanto la disinfestazione non è capillare e puntuale; l’Acea ha triplicato i costi dei lumini per i defunti, a fronte di un servizio carente e malfunzionante; i furti e gli scippi non diminuiscono, tanto che gli scippatori si nascondono dentro i loculi vuoti per colpire le persone in visita. Non esistono controlli tantomeno impianti di videosorveglianza». «È grave - concludono i due esponenti di An - il disinteresse dell’assessore capitolino competente. Abbia il coraggio di dimettersi».