«Verifica? No, si litiga sulle poltrone»

Verifica, rimpasto, confronto programmatico: alla Regione Lazio sembra di essere tornati alla Prima Repubblica, e non solo riguardo alla terminologia che traspare dai comunicati dei partiti del centrosinistra. La sostanza delle cose è che Marrazzo deve fronteggiare una vera e propria crisi scatenata, sì, dalle forti divergenze su scelte fondamentali come la sanità o la politica energetica, ma anche e soprattutto dalla lotta per accaparrarsi poltrone e nuove fette di potere. «Mi verrebbe da fare della facile ironia sulle affermazioni rilasciate da autorevoli esponenti di Rifondazione, Verdi, Margherita e Ambiente e Lavoro, circa la presunta verifica di governo - fa notare a questo proposito il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Alfredo Pallone - di fatto una vera e propria crisi. Il problema è estremamente serio e il sarcasmo non serve a risolvere la delicata situazione. Tuttavia non si può non definire grottesco il tentativo di ridimensionare con sillogismi dialettici quella che invece è una vera e propria crisi di un governo privo, e questo è ancora più grave, di programmi, di progetti e di obiettivi». «La maggioranza - ammonisce Pallone - prenda finalmente coscienza di questa situazione che coinvolge tutti gli organismi istituzionali: giunta, consiglio, commissioni. La Regione sia come ente amministrativo che come organismo politico, è di fatto bloccata da una lotta tutta interna ai partiti per la spartizione dei posti di potere e di visibilità». «Questo è - conclude Pallone - l’unico collante che terrà virtualmente unita questa maggioranza poco virtuosa. Assisteremo a una nuova redistribuzione degli incarichi assessorili e delle presidenze di commissione. Ma nessuna delle emergenze attuali, dalla sanità, con la razionalizzazione degli ospedali, all’ambiente con le urgenze rifiuti e piano energetico, saranno risolte. Ci chiediamo soltanto per quanto tempo abuseranno della pazienza dei cittadini».
«Quella in atto alla Regione Lazio - rincara la dose il coordinatore regionale di Forza Italia Francesco Giro - non è una verifica politica, ma una triste sceneggiata per nascondere il fallimento della giunta Marrazzo, come dimostrano addirittura le dichiarazioni dello stesso capogruppo della Lista Marrazzo Daniele Fichera che lamenta l’incapacità della maggioranza di proporre soluzioni unitarie e condivise ai tanti problemi che la Regione Lazio si trova a dover fronteggiare».