Vernarelli: «Apriremo l’asilo, perché le carte sono in regola»

La replica a Prc sulla questione del nido a via Fornovo

«Noi, contro tutto e contro tutti, apriremo quell’asilo, perché è giusto aprirlo. Le carte sono tutte in regola. Barbera vada a parlare con le settanta famiglie che aspettano di trovare un posto per i loro bambini». Così il presidente del Municipio XVII, Roberto Vernarelli, replica al capogruppo municipale di Rifondazione comunista, Giovanni Barbera, sulla questione dell’asilo nido di via Fornovo.
«L’asilo - racconta Vernarelli - doveva aprire nel novembre del 2002. È un nido aziendale (realizzato con fondi del ministero del Lavoro) di 700 metri quadrati realizzato ex novo, con ambienti bellissimi e curatissimi, dove potrebbero trovare posto 70 bambini (34 figli dei dipendenti del ministero e 36 per i figli di residenti del Municipio).
La vertenza riguarda la negazione del nulla osta da parte della Asl, che a causa di una rampetta di accesso considera la struttura come interrata, quindi in contrasto con una legge del 1973. Noi abbiamo fatto ricorso, portando al Tar anche una perizia svolta da un pool di ingegneri dalla quale emerge che il 70 per cento dell’asilo non è interrato, quindi in regola, e siamo in attesa di giudizio.
Abbiamo deciso però di permettere a un gruppo di 50 genitori di aprire l’asilo nido in autogestione - conclude Vernarelli -, si occuperanno loro di reperire personale idoneo e specializzato e il 3 aprile aprirà i battenti».