Vernarelli: la Procura ha disposto il giudizio immediato

Giudizio immediato per Friedrich Vernarelli. Lo ha disposto la Procura nei confronti del pirata della strada che nella notte tra il 17 e 18 marzo scorsi, ubriaco, investì con la propria auto e uccise due turiste irlandesi, Marie Clare Collins e Elizabeth Ann Gubbins, nei pressi di Castel Sant’Angelo. Omicidio colposo plurimo, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza sono i reati contestati all’indagato dal pm Andrea Mosca. «L’imputazione di omissione di soccorso - si legge nel capo d’imputazione - fa riferimento al non aver aver ottemperato all’obbligo di fermarsi e di prestare assistenza ai pedoni investiti dopo averne cagionato la morte con l’incidente da lui causato. A Vernarelli si contesta inoltre di essersi posto alla guida della sua Mercedes Classe A mentre si trovava in stato di ebbrezza alcolica, come evidenziato dalla cartella clinica del pronto soccorso dell’ospedale di Santo Spirito dove risultava un tasso di etanolo nel sangue di g/l 2,85». Inoltre l’imputato si è rifiutato di sottoporsi all’esame delle urine che sarebbe stato necessario a evidenziare un’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope.