Il vero sponsor di Santoro? L'Italia dei Valori Tonino scrive a Nichi e Bersani: "Aiutiamolo"

In soli tre giorni Santoro raccoglie oltre 200mila euro di finanziamenti per la nuova trasmissione. Dopo la stampella di Sky che trasmetterà <em>Comizi d'amore</em>, Di Pietro lancia il nuovo martire e chiede a Vendola e Bersani il sostegno. Nichi accorre subito: &quot;Sottoscriviamo l'abbonamento&quot; 

Prima la stampella di Sky, poi il soccorso rosso della sinistra. Michele Santoro può dormire tranquillo. Dalla combricola di Marco Travaglio ad Antonio Di Pietro, da Nichi Vendola al Fatto Quotidiano: tutti in campo per far funzionare Comizi d'amore, la nuova trasmissione del guru della sinistra che inizierà il 3 novembre. Una vera e propria crociata per sostenere il soldato anti Cav per eccellenza.

Già nei giorni scorsi, il leader dell’Italia dei Valori aveva gridato ai quattro venti che bisognava fare qualcosa per spargere il verbo di Santoro in tutta Italia in modo da educare le truppe anti berlusconiane: farlo passare per epurato della tv pubblica e promuovere la nuova trasmissione che prenderà il posto di Annozero. Ma Di Pietro non si è fermato qui. Proprio oggi ha inviato una lettera aperta ai leader del Pd e di Sel, Pier Luigi Bersani e Nichi Vendola, e a tutte le opposizioni per chiedere un impegno concreto a sostegno dell'ex europarlamentare. "La vicenda di Annozero merita un’attenzione particolare - scrive l'ex pm - la Rai, servizio pubblico radiotelevisivo, non può continuare a rispondere alla voce del padrone, ignorando le istanze dei cittadini utenti, che sono i veri proprietari dell’azienda". A detta di Di Pietro, "Santoro e la sua redazione sono stati espulsi dalla Rai". Un bufala? Eccome. Ma non importa. Da sempre la sinistra ha bisogno di martiri da esporre al popolo. L'Italia dei Valori ha già fatto sapere che metterà a disposizione tutti i blog e il sito del partito a supporto del nuovo programma. Ma Di Pietro vuole di più e chiede a Bersani e Vendola un'azione coordinata per lanciare Santoro.

L'appello, manco a dirlo, è stato subito accolto a braccia aperte dal governatore della Puglia. "L’asfissiante assedio e il maniacale accanimento da parte del premier e della maggioranza di centrodestra nei confronti dei giornalisti e della libertà di informare gli italiani non conosce pausa", ha scritto oggi Vendola sulla sua pagina Facebook invitando l'elettorato a "sostenere in ogni modo la nuova esperienza giornalistica" di Santoro per "ampliare il pluralismo dell’informazione e arricchire la società italiana". La gran cassa della sinistra funziona, eccome. Nel giro di tre giorni Santoro ha ottenuto mezzo milione di contatti per oltre 200mila euro di sottoscrizioni on line, al netto di versamenti bancari diretti. Tra questi spunta anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. E il consigliere di amministrazione Rai Nino Rizzo Nervo propone ai vertici di vale Mazzini di comprare i diritti di Comizi d'amore. Un'euforia generale, insomma.