«È vero, Visco urlò al telefono con Speciale»

Il colonnello Michele Carbone, capo dell’ufficio di gabinetto del generale Roberto Speciale, ha confermato ai magistrati di Roma la ricostruzione fatta nel luglio scorso dall’ex numero uno delle Fiamme gialle. Il militare era presente durante la telefonata con cui il viceministro dell’Economia Vincenzo Visco ordinò a Speciale di dare immediata esecuzione al trasferimento degli ufficiali della Gdf che stavano indagando sul caso Unipol. Secondo quanto affermato dal colonnello, il tono della voce del politico era tale che era possibile sentire le sue urla.