La Versailles di Bollate apre alla grande musica

Come è emerso un paio di anni fa da un censimento condotto dal Fai, il Fondo per l'ambiente italiano, il «luogo del cuore» più amato dai lombardi è Villa Arconati, a Castellazzo di Bollate, una piccola Versailles un po' malandata (ma a fine anno inizieranno finalmente le opere di ristrutturazione che dovrebbero essere ultimate in tempo per l'Expo 2015) alle porte di Milano, direzione Varese. I più la conoscono (e la frequentano durante la stagione estiva) per l'omonimo Festival musicale di caratura internazionale, ospitato nel suo immenso giardino, uno dei più belli e importanti del Settecento lombardo.
Proprio il Festival di Villa Arconati, organizzato con passione e competenza dal Comune di Bollate e la collaborazione di Insieme Groane - Musica in Rete, raggiunge quest'anno un traguardo assai prestigioso: l'edizione numero 20, testimonianza dell’ottimo livello del cartellone, dei contenuti ma anche della formula propositiva, oltreché del gradimento da parte di un pubblico sempre più convinto e numeroso.
In attesa dell'inaugurazione del cartellone ufficiale, al via il 27 giugno con l'ottimo Daniele Silvestri - ma tra le sue stelle dell'edizione del ventennale figura anche un tris di icone della musica popolare contemporanea del calibro del brasiliano Caetano Veloso (3 luglio), dell'ex Jam (e Style Council) Paul Weller (9 luglio) e di Siouxsie (14 luglio), regina del dark punk inglese nei primissimi anni Ottanta -, ecco un evento nell'evento per celebrare come si conviene e in anticipo la ricorrenza. Una sorta di anteprima di tutto rispetto; ben più di un semplice warm up in attesa del piatto forte.
L'appuntamento, ribattezzato Festin' Festival, è stato fissato per stasera e domani, otto giorni prima dell’apertura ufficiale. A caratterizzare l'happening (l'ingresso è contenuto: 5 euro a sera) tanta musica, ovviamente, ma non solo. Il primo giorno, largo al primo violino solista dell’orchestra del Teatro alla Scala Francesco De Angelis, accompagnato da un ensemble di musiciste di diverse nazionalità e vincitrici di prestigiosi concerti internazionali; all'Ambrosia Brass Band e alla Banda Osiris e alle loro gag musicali senza soluzione di continuità.
Si prosegue venerdì, con lo spettacolo live dei francesi Nouvelle Vague (parola d'ordine: rileggere tutta una serie di canzoni più o meno conosciute del post-punk e della new wave anglo-americana in chiave bossa-nova, jazz ed elettronica) e delle due band vincitrici del concorso «Aspettando Villa Arconati». Come si vede dunque, un grappolo di iniziative degne di una manifestazione consolidata, che tuttavia non ha nessuna intenzione di riposare sugli allori.
Tra gli eventi speciali, infatti, la visita guidata al piano nobile della Villa e quattro performance (due per serata) del gruppo teatrale di avanguardia Societas Raffaello Sanzio, alle prese con il progetto «Madrigale appena narrabile». In concomitanza con la due giorni apriranno inoltre i battenti tutta una serie di mostre - video e fotografiche - che ripercorrono i 20 anni di attività della manifestazione.
Festin' Festival
Villa Arconati Castellazzo Bollate
domani e venerdì dalle 20.30