Verso Expo Trenta guru al lavoro

«La Carta di Milano sarà l’eredita che Expo 2015 lascerà al mondo: un grande documento per risolvere la fame nel pianeta». L’ex ministro Umberto Veronesi torna a parlare del suo progetto durante l’apertura della Conferenza mondiale di Science for Peace, la due giorni che anche quest’anno riunisce all’università Bocconi di Milano il movimento di scienziati per la pace fondato dall’oncologo tre anni fa.
L’Esposizione universale di Milano, con il suo tema fulcro «Nutrire il pianeta. Energia per la vita», «sarà una grande occasione di pace - spiega veronesi, direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia - perché raccoglie rappresentanti di 200 Paesi nel mondo per un dialogo comune sull’alimentazione». Un summit in cui «però c’è bisogno anche di un apporto scientifico multidisciplinare, perché delineare un programma a lungo termine che abbatta le disuguaglianze alimentari nel pianeta è un compito molto difficile, complesso e articolato».
Per questo «stiamo lavorando in tanti: una trentina di persone nel mondo, fra cui esperti di agraria, economia, genetica, scienze sociali, etica», elenca Veronesi. Obbiettivo, scrivere il decalogo contro la fame nel mondo. Accanto a quello per la pace.