Verso un’intesa tra A2A e Tea Mantova

Tea Mantova potrebbe essere la prima acquisizione di A2A, il polo lombardo dell’energia che nascerà dalla fusione Aem-Asm. Verrà acquisito il 40% di Tea Sinergie, la holding che raggruppa le società operative, controllata per il 72% dal Comune di Mantova. Il valore dell’operazione oscilla fra i 30 e i 40 milioni. «L’indicazione del cda è di un’alleanza con Asm Brescia perché riteniamo che ci siano le migliori sinergie, mentre abbiamo scartato le opzioni Hera, Aimag e Linea Group», ha detto a Reuters il presidente Gianpaolo Tosoni. La cessione del 40% della holding dovrebbe avvenire nei primi mesi del 2008. L’operazione prevede che tutte le società operative di Tea confluiscano in una holding (Tea Sinergie). Poi, con un aumento di capitale, A2A rileverebbe il 40% della società. Tea Spa resterebbe proprietaria del 60% della holding, così come delle reti e degli impianti. Nulla cambierebbe nell’assetto azionario di Tea Spa, che resterebbe controllata dai comuni di Mantova e Suzzara con l’82% del capitale.