Verso l’archiviazione l’inchiesta di Torino

Seat-Tin.it

È orientata verso l'archiviazione l'inchiesta della procura di Torino su alcune operazioni finanziarie della Telecom e, in particolare, della fusione Seat-Tin.it. Lo si è appreso in ambienti giudiziari. Tra i dieci indagati figurano l'ex presidente Roberto Colaninno, il finanziere Emilio Gnutti e l'ex amministratore delegato della Seat, Lorenzo Pelliccioli, attuale ad della De Agostini. I reati contestati (false comunicazioni sociali, conflitto di interessi, manipolazione di titoli) risalgono al 2000, e per buona parte sono già prescritti. Rimane un’ipotesi di falso in perizia, legata all’iter che portò alla fusione tra Seat e Tin.it, che si prescriverebbe nel 2007. La fusione tra le due società costò a Telecom 6,71 miliardi di euro. A guadagnare i fondi che avevano investito nella società e l’amministratore delegato Pelliccioli con intascò un bonus record pari a 85,7 milioni di euro.