Vertice in Regione: «Pronte le targhe alterne»

Summit sull’ambiente oggi in Regione, con la partecipazione di tutti i Comuni e le Province delle «aree critiche» lombarde. All’ordine del giorno la possibilità di rendere obbligatorie le targhe alterne: la proposta verrà messa ai voti e prevarrà la maggioranza. «Sarò anch’io favorevole se ci sarà un ampio consenso» ha detto il governatore Roberto Formigoni, ma il Comune di Milano ha già detto che voterà contro. Favorevole invece la Provincia, pur non ritenendola «la panacea all’inquinamento». Contrari pure l’Unione del Commercio, scettici persino i Verdi («non bastano per vincere lo smog»), ma nel resto della Regione sono parecchie le amministrazioni che le stanno già attuando. Sono proseguiti pure ieri i controlli sugli impianti di riscaldamento (8 sanzioni elevate) mentre sul fronte politico qualche scintilla tra Lombardia e Veneto riguardo alla proposta formigoniana di estendere il blocco di domenica a tutto il Nord. In città le polveri sottili sono in calo, ma restano oltre i limiti. Gli esperti prevedono per domani l’arrivo di una perturbazione: potrebbe nevicare. Oggi avremo un nuovo calo della temperatura.