Al vertice del sistema c’è il Guardasigilli

Nella patria di Montesquieu, teorico della separazione dei poteri, i magistrati non sono al di sopra della legge, e tantomeno «estranei» agli indirizzi della politica. Le carriere dei giudici sono di competenza del Consiglio superiore della magistratura, previo parere del ministro della Giustizia. Quando esercitano le funzioni di pubblico ministero, i magistrati sono inquadrati organicamente nel potere esecutivo e dipendono gerarchicamente dal Guardasigilli. Il presidente della Repubblica non può essere processato per reati comuni, fino al termine del mandato.