Vertici Serravalle Grandi manovre

A casa il top management di Serravalle. Il preannuncio dell’uscita dell’ad Massimo Di Marco è avvenuto a Monza, dove Giulio Sapelli - presidente di Asam - ha tracciato il futuro delle infrastrutture. «Non solo si vuole disfare del vertice ma annuncia pure un aumento di capitale» spiega Giovanni De Nicola, capogruppo provinciale di An. «Aumento di capitale allargato ad altre banche perché il debito contratto da Penati per l’acquisto di Serravalle “è troppo elevato”». Ma non finisce qui. «Per Sapelli i soldi dati dal ministro Antonio Di Pietro sono troppo pochi per costruire la rete infrastrutturale lombarda. Anzi, per dirla con il presidente di Asam “ci facciamo la birra”».