Vespri d’Organo con Morricone

Ci sarà anche una novità di Ennio Morricone fra i pezzi che gli organisti Matteo Riboldi e Davide Pozzi eseguiranno questo pomeriggio in Santa Maria della Passione per la chiusura dell’undicesimo ciclo dei Vespri d’Organo.
Nella basilica di via Conservatorio (ore 16) Riboldi e Pozzi proporranno un programma basato su pagine a due organi di Francisco Correa de Arauxo (Tiento y discurso de segundo tono), Cesario Gussago (Sonata "La Leona" a 8), Giovanni Gabrieli (Canzon "sol sol la sol fa mi" a 8), Johann Sebastian Bach (Concerto in la minore BWV 593 dall'opera 3, n. 8 di Vivaldi), Luigi Cherubini (Sonata per due Organi), Giovanni Bernardo Zucchinetti (Concerto a due Organi in Si bemolle maggiore) e, appunto, Ennio Morricone: suo è il Finale, in prima esecuzione milanese.
Il progetto dell’undicesima edizione dei Vespri d'Organo intende valorizzare il rapporto tra tradizione musicale e tradizione liturgica, ricollocando le partiture nel contesto nel quale e per il quale sono state scritte. Ogni Vespro è strettamente connesso al tempo e all'ambito liturgico nel quale si colloca richiedendo agli artisti un programma musicale specifico. Hanno aderito al progetto musicisti d'indiscusso livello e di differenti generazioni e provenienze.
I Vespri d'Organo in Santa Maria della Passione fanno parte della seconda edizione della rassegna Cantantibus Organis, che - come sperimentato nella passata stagione - riunisce in un unico cartellone le iniziative musicali delle tre basiliche milanesi di San Simpliciano, Sant'Alessandro e Santa Maria della Passione.
Ingresso a offerta libera.