«Veti sull’energia Una mozione contro Pecoraro»

da Roma

«Pecoraro Scanio blocca i rigassificatori, le centrali a carbone, le scelte di modernizzazione dell’Italia. Giovedì chiederò alla direzione dell’Udc di sottoscrivere una mozione di sfiducia contro Pecoraro Scanio, che è il simbolo dell’inefficienza di questo governo». Lo ha annunciato ieri sera al Tg1 Pier Ferdinando Casini. Il leader centrista ha detto: «Chiederemo anche agli altri partiti di opposizione di condividere questa scelta e mi auguro di trovare alleati anche nel centrosinistra». E l’ex presidente della Camera è tornato a chiedere un ripensamento sul nucleare. «Bisogna ricominciare immediatamente la ricerca - ha detto Casini -. Oggi il nucleare è sicuro, il nostro Paese è purtroppo uno di quelli che non riesce a modernizzarsi in Europa». «Facemmo una scelta scellerata venti anni fa con quel referendum - ha spiegato - sull’onda dell’emotività di Chernobyl, ma oggi c’è bisogno di ritornare sulla strada del nucleare». Quale governo potrebbe farlo? Alla domanda dell’intervistatore, il leader Udc risponde dicendo: «Non certo un governo che ha come ministro Pecoraro Scanio».