Vetrate e spazi verdi, nel 2009 i lavori per due nuovi edifici

Dopo il quartiere espositivo di Massimiliano Fuksas, i parcheggi multipiano di Mario Bellini, gli alberghi di Dominique Perrault, e il verde pubblico di Andreas Kipar, «una nuova opera di alto profilo architettonico si inserirà in quello che ormai può essere considerato il «parco delle architetture» di Fieramilano, Rho. Si tratta di un unico complesso, costituito da due corpi di fabbrica di 13 piani, alto poco meno di 50 metri e rivestito con vetrate grigio fumè. La struttura - spiega l’impresa -, che ospiterà le società del Gruppo Fiera Milano e verrà realizzata in 18 mesi, ha un valore di circa 30 milioni di euro e sviluppa una superficie lorda di pavimento di 21.000 metri quadrati». A realizzarla sarà l’impresa romana Italiana Costruzioni. Il progetto porta la firma dello studio 5+1 AA e di Jean Baptiste Pietri, noto per aver progettato la torre residenziale H99 sul waterfront di Marsiglia, affiancati da AI Engineering e Iquadro per le competenze specialistiche in materia strutturale, impiantistica, viabilistica e ambientale. Italiana Costruzioni si è aggiudicata la gara bandita lo scorso 21 dicembre da Sviluppo Sistema Fiera. Caratteristica distintiva del nuovo edificio, spiega Fiera Milano, saranno le facciate, costituite su tre lati da vetrate trasparenti color grigio fumè, con una struttura frangisole esterna realizzata con pannellature color bronzo/oro. I frangisole, che si diradano procedendo da sud a nord, alternano trasparenze e opacità, specchiature e semitrasparenze e intendono conferire alla struttura la preziosità delle variazioni della luce solare, percepibile in particolar modo all’alba e al tramonto, con luce radente. Di grande impatto è la facciata ovest, totalmente rivestita in lastre dorate.