Una vetrina europea sulla polifonia

Famosi complessi corali di molti paesi saranno presenti dal 3 all’8 ottobre a Palestrina per il festival internazionale intitolato a «Palestrina e l’Europa». La manifestazione intende promuovere la grande polifonia in un contesto ampio, dove anche l’archeologia, la cultura, insieme con l’artigianato e la gastronomia saranno rappresentati. Durante il festival, si esibiranno dodici formazioni corali, tra cui Hilliard Ensemble, i Tallis Scholars, il Coro universitario di Varsavia, il Concerto Romano, Pro Cantione Antiqua, i Cantori della Resurrezione di Porto Torres, il Coro Musicanova, l Ensemble Officium di Tubinga, il Coro della Musikhochschule di Francoforte e le formazioni corali di Palestrina, oltre al Coro Saraceni dell’università di Roma. Nel calendario è previsto anche un piccolo convegno (8 ottobre) sulla Scuola Romana, con Cecilia Campa Herczog, Giuliana Gialdroni, Johann Herczog, Francesco Luisi e Paolo Teodori (coordina Giancarlo Rostirolla). Sempre nell’ambito della rassegna saranno presentati i volumi con gli Atti del terzo Convegno di studi Palestriniani (curata da Ivano Cavallini) e il Secondo dei Libri dei Madrigali a quattro voci del Palestrina, nell’edizione critica di Francesco Luisi (curata da Saverio Franchi).