Viaggiando in Provincia, tra velluti e marionette la guida ai musei «Vip»

«Il taccuino di viaggio nel Risorgimento europeo» e una «Guida ai musei Vip». Vip? Esatto. L'acronimo gioca sull'equivoco perché in realtà intende: «Viaggiando in Provincia». Ed è la Provincia di Genova per voce dell'attuale presidente Alessandro Repetto e l'assessore alla Cultura Maria Cristina Castellani a presentare i due volumi che guidano il viaggio attraverso i musei e i personaggi risorgimentali del territorio. «Ci auguriamo che questi due libretti possano servire a far ricordare l'esistenza di alcuni posti e magari - spiegano presidente e assessore - stuzzicare l'appetito dei visitatori meno esperti che non hanno una percezione della potenzialità turistico-culturale della nostra Provincia».
La guida Vip è un percorso fatto di itinerari tra la costa e l'entroterra curata dal giornalista e scrittore Edoardo Meoli. E così si passa dalla val Fontanabuona per scoprire l'esposizione dei giocattoli poveri di Gattorna o i rinomati damaschi di Lorsica per poi spostarsi in val Trebbia per sorprendersi di fronte alla legatoria di Montebruno o ancora approdare in valle Stura per andare a scovare le testimonianze del costume italiano degli anni cinquanta raccolte a Rossiglione. E ancora le marionette di Campomorone, la filigrana di Campo Ligure, l'ardesia di Lavagna, il parco del Flauto Magico di Santa Margherita: il tutto per un totale di 36 Comuni coinvolti sui 67 compresi nella Provincia, e circa 60 musei, al chiuso o a cielo aperto, esplorati in questo viaggio. Il progetto fa parte dell'iniziativa «Valorizzare il territorio» e tende a far questo descrivendo i numerosi piccoli musei, spesso contadini, generalmente dimenticati.
«Per compiere un viaggio non basta avere una bussola a disposizione e una meta da raggiungere. Prima di tutto bisogna avere il desiderio di conoscere» scrive Meoli. E visto che ogni viaggio ha bisogno di un compagno fedele ecco arrivare prontamente il «taccuino». Pagine bianche da riempire con storie, racconti ed emozioni. E pagine scritte che arricchiscono i viaggi nel territorio con un viaggio nella storia risorgimentale.
Oltre a Repetto e Castellani questo taccuino l'hanno prima voluto e poi scritto Roberto Speciale, presidente Centro In Europa e alcuni docenti dell'Università di Genova. I disegni invece sono a cura di Renzo Calegari. L'occasione è quella delle celebrazioni garibaldine di quest'anno e quelle mazziniane del 2005. I principali destinatari del taccuino saranno gli studenti delle scuole. Per loro sono in programma alcuni incontri in cui avranno modo di conoscere più da vicino la storia di quegli anni e riscoprire la nascita di alcuni valori portanti per la Repubblica di oggi.