Per viaggiare basta un Bit Il mondo in mostra a Milano

Aperta la Borsa internazionale del turismo Quest’anno in vetrina 150 Paesi. La Moratti: «Siamo un crocevia tra culture e civiltà»

È stata inaugurata ieri a Rho, in FieraMilano, la 27ª edizione di Bit, la Borsa internazionale del turismo, al cui taglio del nastro non è voluto mancare il vicepresidente del Consiglio, Francesco Rutelli, volato in Lombardia nonostante la crisi di governo. «Come potevo mancare a un appuntamento tanto importante per il turismo italiano - ha spiegato -, soprattutto in un momento di forte visibilità del nostro Paese? Le imprese del settore stanno dando un forte contributo alla crescita economica in un comparto determinante per il futuro dell’Italia». Un appuntamento, quello di Bit, aperto al pubblico sabato e domenica, imponente per i numeri che vi ruotano attorno.
Lo scorso anno, a fronte di 120 Paesi partecipanti, fece registrare 150mila presenze, di cui 105mila operatori professionali e 45mila visitatori. Quest’anno in vetrina ci sono 30 Paesi in più, e l’offerta turistica può contare su spazi espositivi pari a 65mila mq. «Con questa edizione - ha spiegato Alberto Corsi, presidente di ExpoCts - Bit dimostra di stare al passo con i tempi, di anticipare le tendenze del futuro e soprattutto di dare voce ai soggetti coinvolti nello sviluppo del sistema turistico italiano, che vedono in questo appuntamento una importante opportunità di business». Corsi non ha però mancato di avanzare critiche per il blocco del traffico previsto per domenica, «in un momento in cui operatori e visitatori di mezzo mondo arriveranno nella nostra Milano».
L’importanza del turismo è stata sottolineata anche dal sindaco di Milano, Letizia Moratti: «Milano conta ben 90 etnie, una città capace di intrecciare dialogo e relazioni, ma soprattutto di porsi come crocevia tra culture e civiltà, e in questo contesto il filo rosso di collegamento è rappresentato proprio dalla Borsa internazionale del turismo, un’occasione in più per rafforzare la candidatura di Milano a ospitare l’Expo 2015».
Insieme a Bit, fino a domenica, restano aperte al pubblico altre due manifestazioni collaterali: Travel&Motion e Boat village, appuntamenti che si rivolgono ad altrettanti segmenti chiave dell’industria italiana. Con la prima, Milano diventa anche capitale del turismo all’aria aperta, mentre l’altra porta il mare nella metropoli: barche a vela e a motore, gommoni, canotti e attrezzature per la nautica, barche per la navigazione sottocosta e per la scoperta di laghi e fiumi. All’appuntamento partecipano le migliori associazioni del settore e scuole nautiche che propongono corsi introduttivi per la patente, l’orientamento e per capire la meteorologia del mare. Travel&Motion presenta invece il meglio dell’industria dei caravan e di tutto ciò che è collegato al turismo itinerante.