Viaggio «ambientalista» con il jet privato: ironie sul principe Carlo

Londra Il principe Carlo d’Inghilterra è stato tacciato di ipocrisia da un deputato laburista perché utilizzerà un jet privato per una visita in Sud America il cui costo sfiora le 300mila sterline (335mila euro), come parte della sua missione contro il riscaldamento globale. L’aereo servirà a trasportare anche la moglie Camilla Parker Bowles e 14 persone dell’entourage in un viaggio, con partenza l’8 marzo, che toccherà Cile, Brasile ed Ecuador. Il suo staff sostiene che è impossibile per il principe completare i dieci giorni di viaggio utilizzando un aereo di linea in quanto avrà almeno 40 appuntamenti. Inoltre, dicono, Carlo compenserà le emissioni di carbonio. Tuttavia le spiegazioni non convincono. Il deputato Ian Davidson sostiene che sarà difficile riparare al danno. «Sapere che il principe intraprenderà un viaggio per salvare l’ambiente con 14 membri dello staff su un jet privato a costi spaventosi è veramente assurdo», ha detto. Non è la prima volta che il principe viene accusato di ipocrisia per questi tour a difesa dell’ambiente. Nel 2007, era stato criticato per aver viaggiato in prima classe negli Stati Uniti, con 20 persone al seguito, per ritirare un premio per l’impegno ambientalista. È stato anche ridicolizzato per aver continuato a usare un’auto ad alto consumo di carburante, anche se poi l’ha cambiata con un veicolo a biocarburante.
La visita in Sudamerica terminerà con una tappa alle isole Galapagos, nell’ambito del bicentenario della nascita di Charles Darwin.