Viaggio dentro le emozioni che solo la musica sa dare

Cosa c'è oltre le note? Cosa cela uno spartito ingiallito dal tempo, fitto di segni incastonati come gemme in pentagrammi infiniti, apparentemente così lontani da chi non li sa trasformare in suono accarezzando i tasti di un pianoforte? «Mi sembrava che questa musica fosse la mia» scriveva Baudelaire in una lettera a Wagner, dopo aver ascoltato, da assoluto profano dell'arte dei suoni, ciò che il grande compositore tedesco aveva realizzato. Ecco. Il libro di Eugenia Galardi «Musica oltre le note. Un viaggio con Franco Soressi» (Gammarò Editore, libro + DVD) vuol dire proprio questo: l'ispirazione che genera la musica è fatta della stessa sostanza che permea la nostra anima e per questo i suoni ci riportano al nostro intimo più profondo, svelando armonie che sono già dentro di noi e facendo ritrovare la piena comunione con l'Essere. Non è un caso, né tantomeno un vezzo, che Il libro abbia con sé un DVD, in cui l'organista e «coautore» Franco Soressi esegue (su pianoforte) brani musicali scelti, corredo affascinante e necessario del «viaggio» simbolico che si snoda lungo le pagine. Un percorso cui un Uditore si abbandona seguendo le parole del «Maestro», colui che attraverso l'interpretazione riesce a far sua la musica dei grandi e a trasmetterne il messaggio. Un «viaggio» che supera le colonne d'Ercole del sapere enciclopedico e che va dritto alle emozioni: tutto fuorché un testo per iniziati, per filosofi o per preparati musicisti, anzi un invito a chiunque voglia trovare - anzi ri-trovare - le emozioni più intime del proprio spirito.