Viaggio nel centro di smistamento profughi. "In Italia manca la programmazione"

Nel centro alle porte di Torino, la Croce Rossa è abituata a gestire le emergenze. Ma da quando le autorità inviano lì tutti i profughi in arrivo in Piemonte le cose sono cambiate

Un altro pullman, l'ennesimo, arriva al centro di accoglienza di Settimo Torinese proprio nel momento in cui stiamo visitando le cucine del campo. La Croce Rossa da anni gestisce lo Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. Qui vivono immigrati in attesa di ricevere l'asilo politico. Un centro ben organizzato, ma che l'emergenza dell'ultimo anno e l'arrivo incontrollato di immigrati sulle coste italiane rischia di mettere in difficoltà.

"Prima facevamo solo accoglienza di secondo livello - dice a ilgiornale.it Ignazio Schintu, responsabile del centro - ovvero l'insegnamento della lingua italiana e le pratiche per ottenere lo status di rifugiati". Ora, però, nel centro arrivano ogni giorno centinaia di immigrati da Lampedusa. "Siamo stati costretti a riorganizzarci, per fare in modo di rispondere alle nuove esigenze".

Gli immigati appena entrati nel centro vengono divisi per nazionalità, poi un operatore in inglese e francese gli comunica che "rimarrete qui solo per alcuni giorni, vi daremo tutto: cibo, vestiti, un letto e le carte telefoniche per chiamare le vostre famiglie". Dopo le visite sanitarie, i profughi vengono smistati nelle tende, in attesa di essere prelevati dalle associazioni e le Onlus che si sono messe a disposizione (a fronte dei 35 euro al giorno che lo Stato garantisce loro) per ospitare gli immigrati. Nel tempo in cui rimangono nella tendopoli di Settimo devono rispettare un regolamento preciso ("chi sgarra viene espulso") e tutti sono chiamati a seguire le lezioni di italiano e le attività pensate per l'integrazione. (Guarda il video)

Nel centro "Fenoglio" alle porte di Torino, la Croce Rossa è abituata a gestire le emergenze. Ma da quando le autorità hanno stabilito di inviare lì tutti i profughi in arrivo in Piemonte le cose sono cambiate. La decisone è arrivata, come spesso accade da qualche tempo a questa parte, senza dare comunicazione ai sindaci. Persino il primo cittadino Pd di Settimo, Fabrizio Puppo, aveva lanciato un allarme: "Per l'emergenza profughi c'è bisogno di maggiore comunicazione tra le autorità competenti. E soprattutto non tutti i comuni fanno la propria parte: non può continuare a gravare tutto solo sulla nostra città. Non possiamo gestire da soli quella che è diventata una guerra". Ma non è stato ascoltato.

Ignazio Schintu però si dice sicuro di poter far fronte alla situazione: 1300 migranti arriveranno in tre soli giorni nella tendopoli appena allestita. Altri ne arriveranno in futuro. Dovrebbero essere solo di passaggio, e in questo momento lo sono: mentre parliamo con gli operatori del centro,un gruppo di migranti viene caricato dalle associazioni e portato in giro per il Piemonte. Quanto potrà durare così?

La preoccupazione di Felice Schiavone e Claudia Porchietto, rappresentanti di Forza Italia a Settimo e in Piemonte, è quella di veder trasformare lo Sprar in un centro di accoglienza simile al Cara di Mineo. Non appena le strutture non saranno più in grado di ospitare quel 7% dei profughi arrivati in Italia che sono competenza del Piemonte, infatti, sarà impossibile far uscire i profughi in eccedenza dal centro della Croce Rossa. "Le tende verranno smontate ad ottobre" - ci assicura Schintu - che però non chiude del tutto alla possibilità che in futuro l'accoglienza possa essere amplianta con "altri moduli abitativi".

Ma il vero problema, ammette il responsabile della Croce Rossa, è l'organizzazione. Sia italiana che Europea. "In Italia è mancata la programmazione - afferma Schintu - e l'Europa in tutto questo non è proprio esistita: la decisione di ripartire solo 40.000 migranti è irrisoria". Una prima soluzione ottimale sarebbe quella di far insediare nel centro le commissioni che decidano sulla ammissibilità o meno della richiesta di asilo. In questo modo si risparmierebbero tempo e soldi, selezionando adeguatamente e in tempi brevi chi ha davvero diritto alla protezione internazionale.

"Ci vorrebbero norme definite e accordi chiari", conclude Schintu. Ma Alfano e il governo non sono riusciti a farli.

Commenti
Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Dom, 19/07/2015 - 12:51

Se solo temete un campo profughi STABILE allora siete degli ingenui. Il campo è già stabile per non dire perenne!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 19/07/2015 - 12:58

Solo una lucida follia autodistruttiva, non disgiunta da un sovrumano disprezzo per la sicurezza ed il comune sentire dei cittadini italiani, può condurre a questo stato di cose. Non credo che basterà, in omaggio al più bieco terrorismo ideologico, gridare al fascismo ed alla xenofobia per esorcizzare quella che si prospetta, nel prossimo futuro, come una rivolta popolare senza precedenti. Quando gli Italiani realizzeranno di essere stati venduti, dalle loro stesse istituzioni, allo straniero in omaggio al pensiero unico imperante.

agosvac

Dom, 19/07/2015 - 13:18

1300 clandestini in tre giorni! Clandestini, non chiamiamoli profughi o rifugiati politici perché finché arrivano clandestinamente con i barconi sono solo ed esclusivamente clandestini!!! Se la matematica non è un'opinione, significa che nei prossimi due o tre mesi di bel tempo ci si potrebbe aspettare anche 30 o 40 mila clandestini: è una vera follia!!!!! Ma dove li vogliono mettere alfano e renzi tutta questa gente??? renzi non riesce nemmeno a dare ai pensionati il giusto sancito dalla consulta, dove li trova i soldi necessari per mantenere tutta questa gente??? A quanti italiani toglierà questi soldini??? Ma la domanda vera è: fino a quando gli italiani riusciranno a sopportare di essere depauperati a favore di questi clandestini??? Quante cariche contro gli italiani dovrà ordinare il prefetto Gabrielli prima di essere mandato via a calci nel...quello là?????

eolo121

Dom, 19/07/2015 - 13:20

la kyengie potrebbe ospitarne casa sua un po' dato che prende un bel stipendio. idem boldrini e company se loro ne ospitano a casa loro sarebbe un bell esempio...di integrazione con i stipendi che prendono non avrebbero problemi.. ma se questo governo incapace non frena questa invasione di clandestini ci saranno col tempo conseguenze gravi è gestita male e da dilettanti e l europa ride

Ritratto di ilvillacastellano

Anonimo (non verificato)

Thor88

Dom, 19/07/2015 - 13:36

Il "Piano Kalergi" prosegue senza sosta.

aswini

Dom, 19/07/2015 - 13:45

Esatto, Jaspar 44, solo che lamassa non se ne rende conto, oontinua a credere alle favole del ministero degli interni e di "state sereni"

vince50

Dom, 19/07/2015 - 13:56

Presto ci cacceranno,quindi zitti e a cuccia.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 19/07/2015 - 13:58

I BUONISTI al governo, stanno facendo degli Italiani un popolo di razzisti, forse perchè: ( L`ODIO TRA NORDISTI E SUDDISTI IN ITALIA,NON SI SPEGNERA MAI,PER L`INFINITA CORRUZZIONE CHE ESISTE AL SUD DEL PAESE. ED ORA, CHI DEL SUD, SI È ARRICCHITO APPROFITTANDO DELLE AGEVOLAZIONI STATALI, FATTE CON CORRUZZIONE, SI STANNO VENDICANDO,DATA LA """LORO MAGGIORANZA""" DI TUTTE LE ALTE CARICHE DELLO STATO, DELLA GIUSTIZZIA E DELL`ESERCITO. """MA TUTTO CIÒ CHE HA UN INIZZIO, HA PURE UNA FINE E POI, I PENTIMENTI NON VARRANNO PIÙ E SALTERANNO LE TESTE !!!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 19/07/2015 - 14:07

x Jaspar44: Un conto avere uno stabile con una decina di persone, TUTT`ALTRA COSA, È QUELLA DI AVERE LO STESSO STABILE, CON CENTINAIA DI PERSONE,CON INTORNO UNA TENDOPOLI CHE SI INGRANDISCE GIORNO PER GIORNO!!! PERCIÒ PRIMA DI DIRE "IDIOZZIE", CI FACCIA UN PENSIERINO!!! BUONA GIORNATA.

honhil

Dom, 19/07/2015 - 14:33

"Ci vorrebbero norme definite e accordi chiari". Giusto. Ma questo caos è fatto ad arte, per meglio servire il business che c’è sotto.

terzino

Dom, 19/07/2015 - 16:15

Il troppo storpia.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 19/07/2015 - 16:27

"Anonimo (non verificato)" ossia censurato. Evviva! "il giornale" è sul giusto binario dell'ipocrisia. Ha paura di andare controcorrente. E ricordatevi che chiunque entri in Italia o in qualsivoglia altra nazione, più decente della nostra, senza autorizzazione è un clandestino, prima di essere profugo.

VittorioMar

Dom, 19/07/2015 - 16:30

..qualcuno si vantava,in una trasmissione televisiva(Dalla vostra parte)che vi erano in atto numerosi rimpatri di immigrati clandestini,perché non vi sono immagini al riguardo?Siete a conoscenza di quanto affermato dall'ospite del PD?

Italianoinpanama

Dom, 19/07/2015 - 17:39

prima si chiamavani clandestini poi migranti poi immigrati ora sono tutti profughi!!!

gigetto50

Dom, 19/07/2015 - 18:24

...ma come....il comunista Chiamparino ha detto qualche giorno fa' che non c'erano problemi....

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 19/07/2015 - 18:39

@vittoriomar: ha detto bene: bisogna verificare da che parte provengono certe affermazioni demago-populiste che taluni hanno impresso nel loro DNA come "marcatore di tara" unico. Mi sovvien il motto: tanto tuonò che piovve e ora stanno affogando nel diluvio delle emergenze e del pressapochismo. Purtroppo le malerbe non si estinguono da sole ma bisogna "insindacabilmente" estirparle alla radice. Ossequi.

franco-a-trier-D

Dom, 19/07/2015 - 18:45

ne devono arrivare 900 mlioni circa di africani state tranquilli e munitevi di passaporto per la Australia e il Canada.La Italia ormai non è piu vostra.Italianoin panama , vero, però voi vi chiamerete semmpre coglio.ni finchè voterete PD. mia idea personale la vostra non la so, anzi la vediamo..

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Dom, 19/07/2015 - 18:54

CLANDESTINI!!!! Chi entra illegalmente e senza documenti è 1 clandestino - Sostengono di spendere paccate di soldi x imbarcarsi su barconi stracarichi quando con molto meno (anche se è la classe turistica) possono prendere 1 aereo ed atterrare direttamente nella nazione preferita senza rischiare la vita............perché non lo fanno (se non c'è qualcosa da nascondere)?????????

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 19/07/2015 - 20:14

dategli fuoco

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 19/07/2015 - 23:52

Oramai dobbiamo avere il coraggio di dire che tutti i cittadini italiani sono vittime di una VERA AZIONE CRIMINALE. ARRIVANO MIGLIAIA DI CLANDESTINI ED IL GOVERNO ABUSIVO NON FA NULLA. ANZI, CI IMPEDISCE ADDIRITTURA DI PROTESTARE.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 20/07/2015 - 07:49

speriamo che in Italia scoppia una rivoluzione. Io ho già deciso, faccio il profugo e mi faccio ospitare in uno di quei bei grattacieli a Montecarlo e se non vedo il mare protesto e me ne faccio assegnare uno con vista mare mozzafiato....almeno qui funziona così e li ascoltano sempre.

Massimo Bocci

Lun, 20/07/2015 - 08:25

L'inca cosa CERTIFICATA,PIL...REGIME!!!,che cresce come il debito pubblico, CREANO UNA NUOVA FAVELAS al giorno, con queste leveranno prestissimo l'Italiani VERI!!! di torno, per un futuro PRESENTE SENZA RITORNO!!!!