Un viaggio nelle impenetrabili verità dell’amore

Dai feuilleton ai telefilm, dalle soap ai vari «Harry Potter», il vortice dei sequel travolge anche il teatro. Parte oggi al Teatro Litta, per la regia di Silvia Mendola e Paolo Andreoni, La verità, vi prego, sull'amore, il primo esempio di spettacolo «a puntate», a metà tra la commedia e il varietà.
Quattro episodi che, attraverso le vicende di una giovane coppia (interpretata da Alioscia Viccaro e Greta Zamparini), raccontano l'amore in tutte le sue fasi, dall'incontro al primo viaggio insieme. «L'idea nasce da una rassegna di letture e musica organizzata qualche mese fa in un teatro di Monza. Il successo dell'iniziativa ci ha convinto a continuare su questa strada ma con qualche elemento in più. Così ci siamo chiesti: perché non raccontare una storia unica?». Un viaggio tra i sentimenti, i luoghi comuni e le piccole verità di una coppia alle prime armi, e insieme un ritorno al teatro di varietà: «Ogni episodio sarà scandito da canzoni e intermezzi musicali in omaggio ai grandi artisti dell'avanspettacolo, da Ettore Petrolini a Delia Scala a Walter Chiari».
E sarà proprio una canzone (Che cos'è l'amor? di Vinicio Capossella) il leit motive del primo episodio, Lui e lei: l'incontro (da oggi al 14 giugno) che, alternando citazioni letterarie (da Catullo a Shakespeare a Leopardi) a statistiche dell'ultima ora, racconta le speranze, i dubbi e le difficoltà di affrontare una rapporto ai nostri giorni. Il secondo episodio, Dagli occhi delle donne (dal 16 al 21 giugno), rappresenta il punto di vista femminile sull'amore e sugli uomini. Un copione già scritto: la parabola del principe azzurro che si trasforma nell'uomo comune.
Dagli occhi degli uomini è il terzo appuntamento (dal 23 al 28 giugno) che descrive da un'altra angolazione il misterioso universo delle donne: una terribile schiavitù di cui non si riesce a fare a meno. Nell'ultima puntata, Lui e lei: un viaggio (dal 30 giugno al 5 luglio), ecco di nuovo la giovane coppia che, in una spensierata vacanza a Parigi, affronta tutti i problemi, piccoli e grandi, di un rapporto ormai avviato. «Nasceranno le prime scaramucce, ma invece che bisticciare con il dialogo, lo faranno con una canzone, Signore e signora, di Delia Scala».
Un percorso d'amore sospeso tra il serio e il faceto, tra il classico e il moderno, tra l'elegante e il posticcio. «Non vogliamo svelare verità assolute, o ricette per una relazione infallibile - concludono gli autori -. L'idea è quella di giocare sul tema, di affrontarlo con leggerezza e, perché no, con un tocco irriverente. Anche Cupido non era forse un ragazzetto dispettoso?».
La verità, vi prego, sull'amore
Teatro Litta
Da oggi al 5 luglio
Informazioni: 02-86454545