Viale Jenner I residenti: «Qui il muezzin ci sveglia all’alba»

Gli abitanti di viale Jenner sono disturbati dal richiamo del muezzin alle prime luci dell’alba. Per questo stanno preparando un dossier che presenteranno presto alle istituzioni. «Se è vero che il Ramadam si sta svolgendo senza particolari disagi al Ciak - afferma il comitato di residenti di viale Jenner - è altrettanto vero che in viale Jenner si continua a pregare e ieri mattina il muezzin ha chiamato a raccolta i fedeli già alle cinque. Dopo quella dell’alba, seguono altre preghiere quotidiane. Il punto è proprio questo: logistico. Bisogna chiudere i centri islamici irregolari trasferendo la preghiera in aree adatte, lontano dalle case e servite dai mezzi, a spese delle comunità interessate». I residenti stanno completando un dossier per «mostrare alle autorità quali problemi comporta il luogo di culto islamico vicino alle case». In passato anche in via Padova il richiamo del muezzin aveva disturbato il sonno dei residenti.
Il mese di preghiere e digiuno per gli islamici è cominciato alla metà di agosto, con la prima luna crescente. Si digiuna dall’alba al tramonto, il digiuno del mese di Ramadan è uno dei cinque pilastri dell’Islam, oltre alla professione di fede, alle cinque preghiere quotidiane, al pagamento dell’imposta coranica e al pellegrinaggio alla Mecca.