In viale Testi nasce il quartiere del cinema

Un quartiere del cinema sta per nascere a Milano. Intorno all’ex Manifattura Tabacchi, polo industriale dismesso dal 1999, infatti, sorgerà un nuovo quartiere, che vedrà coesistere case private, alloggi per studenti, alberghi e strutture collegate alla futura cittadella del Cinema. Questo il risultato della convenzione urbanistica firmata ieri dalla joint venture Pirelli Re - Fintecna Immobiliare e Quadrifoglio Milano Spa, Comune e Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato per il recupero dell’area compresa tra viale Fulvio Testi, viale Suzzani, via Esperia e via Santa Monica.
Una superficie di 83mila mq e un valore di 250 milioni di euro troveranno spazio per il Centro Sperimentale di Cinematografia per la fiction e la pubblicità, ovvero l’unica scuola di eccellenza cinematografica d’Italia, le scuole civiche del cinema e un polo cine-audio-visuale della Regione Lombardia, che si configureranno come una cittadella della Multimedialità. Insomma la nuova Cinecittà sorgerà qui, e a breve. Cominceranno, infatti, a settembre le operazioni di bonifica e di demolizione, mentre il cantiere per il restauro della ex Manifattura e per la costruzione dei nuovi edifici, su progetto dello Studio Canali Associati di Parma, si aprirà entro la prossima estate. A settembre, invece, verrà chiuso al traffico viale Fulvio Testi, e così sarà per i prossimi due anni, per i lavori di costruzione della linea 5 del metrò. Insomma nel nuovo quartiere del cinema, che segna un altro punto a favore di Milano nella competizione con Roma, sorgeranno edifici residenziali privati, alti 50 metri e abbelliti di terrazzi e logge, capaci si inserirsi in modo armonioso nel contesto architettonico esistente, mentre altre abitazioni verranno ricavate nelle palazzine esistenti di viale Suzzani. Facendo due conti: 33mila mq andranno all’edilizia privata, 8.500 mq al commercio, 6.500 mq saranno dedicati ad alberghi, mentre 20mila mq saranno destinati alla scuola di cinema. Non solo, nel nuovo quartiere, a due passi dalla Bicocca, sorgeranno anche un asilo, un centro anziani del Comune, una caserma dei carabinieri e residenze per studenti.
Tratto distintivo e cuore pulsante della Cinecittà meneghina, visibile anche a chilometri di distanza, la ciminiera della ex centrale termica della manifattura che sarà mantenuta e restaurata