«Vialli? È l’ultimo in ordine alfabetico» Vierchowod: «Mi candido anch’io...»

«Gianluca Vialli è l’ultimo nome della lista, ma solo in ordine alfabetico». Il presidente della Sampdoria Riccardo Garrone, a margine della presentazione del nuovo stadio che sorgerà a Sestri Ponente, ha così commentato l’ipotesi di vedere il bomber dello scudetto sulla panchina blucerchiata per la prossima stagione. A questo punto Vialli come erede di Novellino diventa così più di una semplice ipotesi suggestiva, visto che lo stesso Garrone ha ammesso che la società di Corte Lambruschini sta vagliando ogni ipotesi.
Ieri l’amministratore delegato Beppe Marotta ha incontrato proprio Vialli, in occasione dell’incontro di Atene tra Milan e Liverpool. Un incontro preliminare a cui ne seguirà un altro la prossima settimana, anche se nel frattempo il club blucerchiato sta comunque continuando a vagliare anche tutte le altre ipotesi.
E sempre ieri, in occasione del convegno che si è tenuto a Rho, a proporsi per la panchina della Sampdoria è stato un ex blucerchiato, anche lui vincitore dello storico scudetto: Pietro Vierchowod. Lo «zar» ha presentato il nuovo impianto così: «Sogno uno stadio di proprietà della Sampdoria, se poi ci fossi io ad allenarla, ancora meglio».
E Garrone ha risposto con una battuta: «In verità Vierchowod non è nella nostra lista ma chissà, potremmo tenere in considerazione anche lui».