La «vice Cofferati» lascia la poltrona

Gli scontri con il sindaco Sergio Cofferati non sono mancati in 5 anni di lavoro come suo vice, con delega alle Politiche sociali: e ieri il primo cittadino di Bologna ha perso anzitempo la sua «seconda», Adriana Scaramuzzino (nella foto), che ha deciso di tornare a fare il magistrato senza aspettare la scadenza naturale del mandato (a giugno si vota). Dovrà lasciare entro la settimana per prendere servizio alla Corte d'appello di Firenze. Cofferati ha avuto parole di elogio («ha dato un contributo molto importante all'amministrazione. Un contributo originale»), ma non è sempre stato così. La rottura quando il Cinese lanciò la campagna legalitaria a suon di sgomberi e «ruspe democratiche». Scaramuzzino, area Margherita, si permise di alzare la voce. «Che si occupi di donne e bambini», fu la risposta.