Il vicepresidente del consiglio comunale Gagliardi (Forza Italia): «È l’ennesimo episodio del massacro di risorse produttive di cui è responsabile la sinistra locale e nazionale» Se ne va da Genova anche l’ultimo «gioiello» Il drastico ridimensio

«Anche a te, Postel, addio!» recita mesto Alberto Gagliardi, consigliere comunale di Forza Italia e memoria storica dell’esodo - «biblico», precisa - delle aziende dalla città della Lanterna: «Ormai i genovesi possono anche aver perso il conto, tante e tanto importanti sono le strutture industriali, le realtà produttive, le direzioni strategiche che avevano sede qui e se ne sono andate. Io no - insiste Gagliardi -, io me le ricordo tutte: l’emorragia è stata devastante. E ora, ecco l’ultima chicca, si fa per dire: le dimissioni di Riccardo Camia da amministratore delegato di Postel». Che significa, in sostanza: l’azienda leader nei servizi informatici di comunicazione e gestione documentale, nata vent’anni fa su iniziativa del numero uno di Elsag, il compianto Enrico Albareto, lascerà definitivamente Genova. (...)