Viel fa ricorso: esproprio rinviato

Braccio di ferro tra la storica gelateria milanese Viel e il Comune. Lunedì sono scaduti ieri i 60 giorni stabiliti perché il titolare, Domenico Viel, lasciasse i locali di proprietà comunale situati al piano terra dell’Arengario, dove sorgerà il Museo del Novecento e per la realizzazione del quale il Comune ha bisogno di «recuperare» i locali, tra cui quelli dove è in affitto Viel. Ma per ora la gelateria resterà dov'è: il titolare ha presentato ricorso al Tar contro la decisione del Comune. Tutto è quindi rimandato al 19 ottobre, sempre che nel frattempo il tar non decida per la sospensione del provvedimento di sfratto chiesto il 26 luglio dal Comune per «urgente indifferibilità d'uso». «Il piano definitivo del Comune ci è arrivato il 17 agosto - spiega Giorgio Lodigiani, legale di Viel - e due giorni dopo è arrivata la notifica del decreto di esproprio. Un tempo insufficiente per organizzare la difesa, oltretutto la legge prevede un indennizzo, ma finora non ci è stato ancora detto niente».