Viene dal profondo Sud il più gradito tra i primi cittadini

Il centrodestra conquista il primato fra i sindaci. Un primo posto che vale doppio perché ad aggiudicarselo non è Letizia Moratti o Gianni Alemanno, primi cittadini di Milano e Roma rispettivamente, entrambi assai in giù nella graduatoria frutto di una ricerca dell’Ekma, intitolata «Monitor città», commissionata dal quotidiano online Affaritaliani.it. Il primato viene infatti dal profondo sud: Reggio Calabria, dove Giuseppe Scopelliti, del Pdl, (nella foto) arriva a totalizzare il 69,7 per cento dei consensi con un progresso del 2,4% sulla precedente rilevazione. Sul podio due colleghi del centrosinistra, si tratta del torinese Sergio Chiamparino con il 67,6% e l’altra Reggio, Emilia stavolta, piazzata terza con il suo primo cittadino Graziano Delrio, primo sindaco non comunista del capoluogo emiliano. Delrio tuttavia divide la posizione ex aequo con il collega di Latina, Vincenzo Zaccheo (Pdl) che, grazie a un incremento dell’8,5% dei consensi raggiunge a quota 65% il limite centrato anche da Delrio in progresso del 6% rispetto alle precedenti rilevazioni.
Detto delle prime tre piazze, sarà il caso di andare a cercare i volti più noti tra i sindaci italiani. E qui arrivano le sorprese. Il romano Alemanno, al ventunesimo posto con un gradimento del 57,2% precede la Moratti, solo ventinovesima e scesa al 56,1% con un regresso del 2,8 rispetto all’ultima valutazione. Peggio è andata a Massimo Cacciari, piazzatosi solo al 42esimo posto con il 55%. Sorprende tutti il leghista Flavio Tosi di Verona, quinto con il 64,5%, in progresso del 3%.

Tra le curiosità, il primo sindaco donna in classifica è Nadia Masini di Forlì 22ª.