VIGILANZA NEGLI STADI

«È arrivato il momento che anche i presidenti delle società calcistiche mettano mano al portafogli per sgravare tutti i contribuenti dall’essere obbligati a pagare le forze dell’ordine che prestano servizio dentro agli stadi, elargendo allo Stato i soldi della prestazione lavorativa effettuata durante i vari incontri di calcio».
È l’appello lanciato dalla segreteria provinciale del Coisp al presidente del Genoa e della Samp per chiedere di intervenire per coprire le spese della sicurezza ad ogni incontro di calcio, vista l’attuale crisi finanziaria e i tagli in ogni settore. «In caso di impossibilità nel pagamento del servizio, auspichiamo che le vostre società possano garantire almeno la sicurezza interna con personale privato di vigilanza, rinunciando al servizio garantito in ogni partita dallo Stato, permettendo così alle forze di polizia di recuperare risorse da impiegare altrove».