Vigile condannato per molestie alla bella collega

Un agente della polizia municipale del Comune di Castel Maggiore (Bologna) è stato condannato a quattro mesi e 15 giorni per tentata violenza sessuale nei confronti di una bella collega di cui era superiore. Il pm aveva chiesto al Tribunale di Bologna la condanna dell'uomo a due anni per violenza sessuale. La vicenda accadde a fine 2003. L'uomo e la collega erano in servizio sulla stessa auto, condotta da un terzo collega. Lui era seduto sul sedile anteriore del passeggero, la vigilessa dietro a lui sul sedile posteriore. Secondo l'accusa l'uomo con mossa repentina allungò le mani fino all'inguine della donna. Lui ha sempre negato l'intento sessuale, spiegando che si trattò di un equivoco: nel tentativo di regolare il sedile la sua mano inavvertitamente toccò la gamba della collega. La vigilessa durante il processo ha raccontato che l'uomo in altre occasioni le avrebbe fatto pressioni con domande attinenti alla sfera privata.