Vigili portafortuna: se prendi la multa puoi sbancare il Lotto

Alassio apre una nuova via: chi infrange il codice insieme alla contravvenzione riceverà una schedina del Superenalotto. Si parte sabato: ma gli agenti saranno sostituiti da attrici e veline

Alassio - Trentasei euro. E in cambio, l’auto posteggiata in sosta vietata per il tempo di un bel bagno, un sorriso ammiccante di Alessia Ventura, magari un bacio malizioso di una «supergirl», più un buono per una vincita da 36 milioni di euro. Da 36 euro di multa a 36 milioni di jackpot. A conti fatti, conviene. È il pacchetto-multa che offre Alassio, città del Muretto, città degli innamorati e adesso pure città dei vigili portafortuna. Diavolo d’un sindaco. Neppure il tempo di preparare le valigie per l’Isola dei Famosi che già ne tira fuori un’altra delle sue. La Sisal studia il lancio di schedine pregiocate per il Superenalotto e punta su Alassio come cittadina simbolo dell’estate dei sogni. Lui, il sindaco Marco Melgrati, ringrazia, ma mica si limita a distribuire i buoni straordinari del «tesoro» sulle spiagge. Ci pensa su quanto basta, cioè poco perché certe idee nascono senza fatica, e decide che l’occasione è ideale per far tornare un sorriso anche sulle labbra di quei turisti che da Alassio potrebbero tornare con un piccolo rimpianto.

Massì, il Superenalotto si gioca sul parabrezza. La multa per divieto di sosta potrebbe diventare l’occasione della vita, visto che Alessia Ventura e le sue dieci bellissime compagne di avventura, offriranno ai «concilianti» automobilisti una schedina pregiocata e una strizzatina d’occhio portafortuna. Il problema semmai è un altro. Alessia Ventura dovrebbe svestire la divisa da carabiniere che tanta fortuna le ha portato in tv per indossare quella da vigilessa? «Per me è meglio se lei e le altre ragazze gireranno in bikini», se la ride il sindaco Melgrati. Ma come? Alassio non è la città dove era vietato il bikini fuori dalle spiagge? «L’ordinanza era del mio predecessore - puntualizza subito il sindaco -. E poi aveva un senso diverso. Era per evitare di vedere nei negozi e nel centro città certi spettacoli di chi il bikini non dovrebbe permetterselo. Non è questo il caso».

Meglio tornare ai vigili. Perché l’appuntamento con le divise più sexy dell’estate è per sabato. Ma l’iniziativa non si ferma al «battesimo» di Alessia Ventura e delle altre bellissime. La Sisal ha offerto ad Alassio un bel pacchetto di schedine pregiocate e, visti i ritmi degli ausiliari del traffico, le scorte potrebbero bastare per un po’. «A bilancio le entrate da contravvenzioni non superano i 250mila euro - ricorda il sindaco Melgrati -. Chiedo ai vigili di intervenire con le multe solo laddove è strettamente necessario. Il loro compito è soprattutto quello di mantenere un certo stile di vita nella città. Vorrei che facessero rispettare soprattutto le regole contro abusivi e clandestini, sulle spiagge abbiamo cartelli in diverse lingue molto chiari». Ma Melgrati è pronto ad aspettarsi un sabato all’insegna della trasgressione. Con il rischio che per farsi multare da Alessia Ventura occorra essere... «Raccomandati».