Vigili senza biciclette: «Ne sono rimaste 225, siamo 1.250»

«Questa è la città degli abusivi», attacca Giacomo Errico, presidente di Apeca, l’associazione milanese dell’Unione del commercio, che riunisce gli operatori del commercio ambulante: 4.200 tra Milano e provincia, più di 3.000 solo in città.
«Milano è invasa dagli abusivi - denuncia Errico - che si nascondono nei mercati: basta fare un giro a Papiniano o in via Fauché per rendersene conto. Un terzo delle postazioni, infatti, nei diversi mercati è occupata da abusivi: stiamo parlando di 3.500-4.000 postazioni sulle 12.000 complessive nei 95 mercati settimanali».
Per non parlare degli autonegozi... «Perché loro possono vendere alcol a tutte le ore della notte - si chiede - quando i locali sono sotto stretto controllo per quanto riguarda gli orari di chiusura? I locali chiudono alle 2, e la gente va a consumare ai baracchini mobili, che strategicamente si mettono proprio davanti ai locali e alle discoteche. Così come non erano certo autorizzati tutti i camion-bar che affollavano piazza Duomo in occasione dei grandi concerti». Servono più controlli e provvedimenti più severi, secondo Errico, è l’unica soluzione per debellare il fenomeno.