Vigili urbani aggrediti da venti minorenni

Volevano impedire atti vandalici al parco Arcadia

Michele Perla

Il «branco» dei vandali aggredisce gli agenti della polizia locale, e il comandante è costretto a ricorrere alle cure dei medici dell’ospedale per le ferite, per fortuna lievi, riportate durante lo scontro. È successo a Bareggio, dove una ventina di minorenni si sono scagliati contro i ghisa, che erano intervenuti in un’area verde dopo una segnalazione per danneggiamenti.
Verso le 17 alcuni pensionati avevano chiamato il comando per spiegare che, all’interno del Parco Arcadia, un’oasi che ospita anche alcune specie di animali e che è meta privilegiata per mamme e bambini, c’era un gruppo di teppisti che stava spaccando le panchine, prendendosela anche coi lampioni. Sul posto sono state inviate due pattuglie dei vigili che sul posto si sono trovate a fronteggiare una ventina di giovani in età compresa fra i 14 e i 17 anni. Gli agenti hanno chiesto loro di fornire le generalità, ma tutti si sono rifiutati, iniziando a inveire contro gli uomini in divisa. L’atmosfera si è surriscaldata e in pochi minuti le parole hanno fatto posto agli spintoni e poi ai pugni e ai calci.
Un vero scontro numericamente impari, nel corso del quale il comandante Giovanni Olivotto è rimasto ferito. Alla fine i baby delinquenti sono stati tutti identificati e segnalati all’autorità giudiziaria, che valuterà i provvedimenti da adottare a loro carico. Molto probabilmente buona parte degli aggressori hanno agito anche sotto l’effetto eccitante di sostanze stupefacenti, il cui consumo fra gli adolescenti del paese sta crescendo a dismisura. Solidarietà è stata espressa ai ghisa e al comandante, mentre l’amministrazione comunale, in un comunicato, ha annunciato tolleranza zero nei confronti di chi non rispetta le regole, a prescindere dall’età.