«Vignetta antisemita, ci chiedano scusa»

La denuncia di Reibman: «A sinistra pregiudizi su di noi»

«Desidero paradossalmente ringraziare il direttore di Liberazione per l’infame vignetta pubblicata. Ha mostrato così il ventre molle del pregiudizio antisemita che esiste in una parte della sinistra e che da tempo denunciamo». Lo afferma in una nota Yasha Reibman, portavoce della comunità ebraica di Milano, commentando la vignetta pubblicata dal quotidiano di Rifondazione comunista.
«Il problema non sono le dimissioni del direttore di Liberazione che personalmente non chiedo - aggiunge Reibman - perché il problema è squisitamente politico. Si deve finalmente aprire quel processo per combattere la cultura dell’odio e della demonizzazione verso lo Stato di Israele. Fausto Bertinotti, in quanto presidente della Camera e dirigente politico, ha l’obbligo di intervenire e di esercitare la sua leadership. Il suo silenzio in questa occasione sarebbe un’ulteriore occasione persa».