Vignette su Maometto, strage evitata

Danimarca sotto choc. Arrestati cinque islamici: volevano colpire il giornale che fece satira sul Corano

Quattro uomini sono stati arrestati in Danimarca, sospettati di essere coinvolti in un piano per compiere un attentato terroristico. Nell’ambito della stessa operazione un quinto uomo è stato arrestato in Svezia. Lo ha riferito l’intelligence danese secondo la quale nel mirino dei terroristi c’era il «Jyllands-Posten», il quotidiano locale che nel settembre 2005 pubblicò le vignette su Maometto, scatenando l’ira e le proteste del mondo musulmano. Tre dei quattro arrestati sono partiti dalla Svezia ed arrivati in Danimarca martedì notte. I sospettati sono militanti islamici legati al terrorismo internazionale e per questo gli investigatori considerano la minaccia «molto seria». Si tratta di un cittadino tunisino di 44 anni, di un cittadino svedese di origine libanese di 29 anni e di un cittadino svedese di origine non precisata di 30 anni. La quarta persona finita in manette in Danimarca è un iracheno che aveva appena chiesto asilo politico. Quanto alla persona arrestata in Svezia si tratterebbe di un cittadino svedese di origine tunisina di 37 anni. Secondo gli 007 il gruppo stava aveva intenzione di entrare nella sede del quotidiano e «uccidere più persone possibile». Sin da quando ha pubblicato le vignette su Maometto il «Jyllands-Posten» è stato oggetto di una serie di minacce. Inoltre Stoccolma l’11 dicembre scorso è stata teatro di un fallito attentato suicida in cui è morto solo il kamikaze che, secondo quanto avrebbero appurato le indagini, voleva punire la Svezia per la sua presenza militare in Afghanistan e per il suo sostegno al vignettista Lars Vilks, autore di una caricatura di Maometto.