In vigore da ieri la nuova legge anti-terrorismo

Londra. È entrata ieri in vigore in Gran Bretagna la nuova legge che introduce il reato di apologia di terrorismo. Il provvedimento, deciso dopo gli attentati del luglio 2005, prevede la messa al bando di organizzazioni che esaltano o incitano ad atti terroristici, vietando la distribuzione di materiale che inneggi al terrore. È stato duramente criticato dalle organizzazioni per le libertà civili, per le quali è un attentato alla libertà di espressione. Per far passare questa legge e le altre del pacchetto antiterrorismo, il governo ha dovuto fare compromessi: come quello sulla detenzione preventiva senza incriminazione, che l’esecutivo voleva portare a 90 giorni, ma che dopo una battaglia con la Camera dei Lord è stato esteso a 28 dagli attuali 14 giorni. La Camera alta ha anche bocciato versioni diverse della legge sul divieto all’apologia per ben 5 volte. Dubbi sulla nuova legge sono stati espressi anche dalla magistratura.